Ecco perchè Elite stagione 3 non ha senso RECENSIONE

Ciao a tutti, io sono Meo (instagram: @meolipa), e oggi vi commenterò la stagione 3 di Elite, perchè ci sono molte cose di cui parlare. Mettiamo da parte le prime due stagioni e concentriamoci su quest’ultima, in particolare voglio soffermarmi sul finale: la morte di Polo.

Premetto che, anche se tutti lo odiano, Polo era il mio personaggio preferito, e ormai è una regola che vale in tutto l’universo: i miei personaggi preferiti muoiono SEMPRE.
Detto ciò sapevamo fin dall’inizio che il suo destino era segnato, ma non è questo il punto.
Il problema sorge nel MODO in cui è morto e nel suo trattamento post-mortem. 
Ecco perchè non ha senso:

1- Lucrecia che “accidentalmente” ferisce Polo, per poi fare la vittima della serie “non volevo, non l’ho fatto apposta. Certo, come no. Tesoro, SEI ENTRATA INTENZIONALMENTE CON IL COLLO DELLA BOTTIGLIA ROTTO E APPUNTITO NEL BAGNO DOVE SI TROVAVA POLO, NON VOLEVI CERTO FARGLI LE CAREZZE, DICIAMOCI LA VERITA’.
2- Quando Polo ha ucciso Marina in preda al panico e ad uno stato emotivo alterato per motivi legati a Carla, tutti lo hanno odiato, insultato, escluso, umiliato e incolpato. Quando Lucrecia uccide “per sbaglio” Polo entrando, perfettamente lucida mentalmente, e VOLONTARIAMENTE con un’arma in mano portando a tragiche conseguenze, nessuno le dà dell’assassina. Anzi, la proteggono tutti, mettendo tutti le impronte sulla bottiglia. MA SIETE SERI?! (e lo dice uno che adora Lu)
3- Cayetana è uno dei personaggi più inutili e insensati che siano stati mai creati. Sempre stata innamorata di Polo, lo ha sempre supportato e sostenuto contro tutto e tutti. E poi? Quando l’amore della sua vita muore lei che fa? Non solo non si arrabbia e non si vendica, ma addirittura AIUTA LA COLPEVOLE DIVENTANDO COMPLICE DEI SUOI COMPAGNI, mettendo sia le sue impronte e sia quelle di Polo per farlo sembrare un suicidio. Ora spiegatemi IN CHE SENSO era innamorata.
Per me POLO HA UCCISO MARINA PER AMORE DI CARLA, QUELLO ERA AMORE, non questo.
4- Completamente insensata la scena in cui Cayetana viene lasciata passare dalle guardie per andare ad agire indisturbata a mettere le impronte di Polo sulla bottiglia. Nessuno la guarda, nessuno la controlla. Poi dopo che, bella tranquilla, ha finito l’opera, arriva il commissario “non fate toccare a nessuno il corpo”. EH, ORMAI. TI SVEGLIAVI PRIMA CARA MIA.
5- Parliamo per un momento della scena in cui Guzman dice a Polo “non ti perdonerò mai“.


*Polo muore*


Guzman: TI PERDONOOOOH
Ma fatemi capire, la morale della favola è che uno deve per forza morire per avere valore umano ed essere perdonato? Un po’ come quando nella tua vita ti bulleggiano, ti insultano, ti deridono, ti prendono in giro, ti rendono la vita un inferno. Poi muori e al funerale dicono “era un bravo ragazzo, poverino, mi dispiace”. Io boh.
6- Senza contare Lucrecia che prima tratta malissimo Polo fino a praticamente ucciderlo, e poi dice al commissario “Polo era mio amico”. Seh certo, sei una pessima bugiarda. Non ci crede nessuno tesò.
7- Tutta la serie si basa sul concetto di “Giustizia”, eppure finisce con la colpevole in libertà, senza nessuna conseguenza, aiutata da tutti i complici che fino a 5 minuti prima volevano Polo in galera. Ridicoli. Sono contento per Lu, però non è giusto.
8- Vogliamo concludere con l’insensatezza del rapporto tra Samuel e Carla? Oppure è meglio parlare dell’assurda relazione tra Omar e Ander? Omar lo tradisce a sangue freddo più volte senza nessun senso di colpa continuando a professarsi innamorato di Ander, mentre Ander si prende le colpe. Io ho veramente non so più cosa dire per descrivere il trash di questa situazione tragicomica. Omar che se ne va con quell’altro inutile conosciuto da pochi giorni? CREDIBILISSIMO EH. Ander sta morendo? Ma si chi se ne frega, lasciamolo morire e andiamocene con un altro. Ovviamente poi che fa? Torna strisciando. Datti una svegliata e deciditi. Prima non ti importa, poi ti importa. Boh.
9- CIliegina sulla torta? Il commissario che si scusa con Samuel. Quando è Samuel che ha mentito e ha coperto un’assassina, mentre il commissario cercava di fare il suo lavoro. Vabbè. Si finge paladino della giustizia ma in realtà è il peggiore degli ingiusti, ipocrita e omertoso.
10- Samuel, facci un favore, impara a preparare una pasta decente, che quella poltiglia scondita non si può vedere. Grazie ciao.

Unica parte decente della stagione? Il padre di Omar che finalmente accetta la sua omosessualità. Era ora.

Bene, la chiudo qui. Fatemi sapere cosa ne pensate e se siete d’accordo con la recensione condividetela e seguitemi su Instagram: @meolipa
Alla prossima,
Meo

Per la recensione alla stagione 3 de La Casa di Carta clicca qui

Precedente PANCAKES VEGAN facilissimi ai semi di lino ricetta